Archivi giornalieri: 7 ottobre 2018

La vera storia di Kit Carson

Da sempre accompagna in quasi tutte le avventure il suo amico Tex: è inconfondibile con il suo pizzetto e l’abbigliamento sfrangiato da trapper: è Kit Carson, la spalla che ogni eroe che si rispetti deve avere. Non c’è Holmes senza Watson, non c’è Padre Brown senza Flambeau, non c’è Tex Willer senza Kit Carson. Ma se il cowboy con la camicia gialla è un frutto di immaginazione, il suo pard invece si ispira ad un personaggio realmente esistito. Insieme a Buffalo Bill (che un po’ gli assomiglia anche fisicamente) Carson fu uno dei protagonisti della avventura della Frontiera, della conquista del West. Il Carson reale non fu esattamente il simpatico vecchietto che abbiamo imparato a conoscere sugli albi Bonelli: fu un avventuriero, un uccisore di indiani, per lo meno di sesso maschile, visto che le sue due prime mogli erano una Arapaho e una Cheyenne. La sua famiglia era originaria dell’Ulster: era un calvinista, che infine si convertì al cattolicesimo per poter sposare la sua terza (ed ultima) moglie, che era una messicana devota cattolica. Carson aveva combattuto anche i messicani, ed evidentemente impalmare le donne dei nemici era per lui una via di riconciliazione. Oggi si direbbe che costruiva ponti, e non muri. Divenne cattolico, dopo essere stato un ardente massone. Insomma, fu un uomo dalla vita avventurosa, e con un percorso esistenziale non proprio lineare.

Continua a leggere

Leggendo Shakespeare

Il compito che Gilbert Keith Chesterton, il grande saggista, romanziere e apologeta inglese che tutti ben conosciamo, si assunse nel corso della sua vita, fu in primo luogo quello di testimoniare, nel bel mezzo di una cultura liberale, tecnica e razionale che vuole appiattire tutti i misteri, la pienezza che Cristo affida alla sua Chiesa: «Avverto la difficoltà nel riconoscere il diritto dei cristiani più liberali e dalla mente aperta di scorgere nient’altro che bene in tutte le religioni e nient’altro che male nella mia» disse. Chesterton ebbe ben chiaro che il cristiano è chiamato a difendere questa pienezza calandosi nell’arena delle opinioni, provocando gli animi a una ricerca della verità: era quello che faceva quotidianamente nel suo lavoro di giornalista.

Continua a leggere