Archivi tag: G.K. Chesterton

Leggendo Shakespeare

Il compito che Gilbert Keith Chesterton, il grande saggista, romanziere e apologeta inglese che tutti ben conosciamo, si assunse nel corso della sua vita, fu in primo luogo quello di testimoniare, nel bel mezzo di una cultura liberale, tecnica e razionale che vuole appiattire tutti i misteri, la pienezza che Cristo affida alla sua Chiesa: «Avverto la difficoltà nel riconoscere il diritto dei cristiani più liberali e dalla mente aperta di scorgere nient’altro che bene in tutte le religioni e nient’altro che male nella mia» disse. Chesterton ebbe ben chiaro che il cristiano è chiamato a difendere questa pienezza calandosi nell’arena delle opinioni, provocando gli animi a una ricerca della verità: era quello che faceva quotidianamente nel suo lavoro di giornalista.

Continua a leggere

Chesterton e Tolkien: Affrontare il Mistero

Gilbert Keith Chesterton e John Ronal Ruel Tolkien: due giganti della Letteratura inglese del ‘900. Il primo, giornalista e scrittore, l’altro un professore di Oxford con la passione per le lingue inventate e mondi immaginari, come la Terra di Mezzo. Cosa li accomuna? Perché accostarli? 
L’arte intesa come indagine del Mistero, come attesa di una risposta al desiderio di Verità che è nel cuore dell’uomo. Chesterton lo descrive attraverso i suoi romanzi surreali, attraverso i suoi gialli, che sono una piccola, moderna epica della quotidianità, una quotidianità dove è presente il Mistero, appunto. 
“Gioia acuta come un dolore” dice Tolkien, presente nonostante le sconfitte e i fallimenti, poiché smentisce l’universale sconfitta finale, a dispetto delle molte apparenze contrarie evidenti nel tempo presente. La gioia conserva una traccia di quella strana qualità mitica della fiaba. 

Associazione La Contea di Messina

Il genio del paradosso: J. K. Chesterton

Bookcity Milano

Con Paolo Gulisano e Daniele De Rosa

Un incontro alla scoperta di Gilbert  Keith Chesterton: il più brillante giornalista dell’Inghilterra del XX  secolo, scrittore poliedrico che seppe spaziare dai gialli, ai saggi  storici, dalla politica alla filosofia, il tutto espresso con magnifica  leggerezza, con l’uso magistrale del paradosso. Un uomo intenso,  appassionato cercatore della Verità, un polemista che finiva per  diventare amico dei suoi avversari. Un lucidissimo e profetico  interprete della modernità.