Archivi categoria: J. R. R. Tolkien

Many Paths One Road: Faramir – il video

In questa puntata di Giovedì 15 Aprile 2021 con l’aiuto dell’esperto e amico di Sentieri Tolkieniani, Paolo Gulisano, approfondiremo il ruolo di Faramir ne Il Signore degli Anelli. Chi è davvero il fratello minore di Boromir? Perché Tolkien dice che tra tutti è il personaggio che “gli può assomigliare”?

TOLKIEN PROFETA DEI NOSTRI TEMPI – IL VIDEO

TOLKIEN PROFETA DEI NOSTRI TEMPI, PAOLO GULISANO – MASSIMO VIGLIONE. OGGI PIÙ CHE MAI, TOLKIEN PROFETA DEI NOSTRI TEMPI – A 129 ANNI DALLA NASCITA, OMAGGIO AL GIGANTE DELLA LETTERATURA MONDIALE DEL XX SECOLO.

https://www.facebook.com/associazionetriarii/videos/700239340884835

Tolkien, uno sguardo cristiano sull’uomo e sul mondo

Il 2 settembre 1973 moriva John Ronald Reuel Tolkien. Nell’anniversario della sua scomparsa, ricordiamo questo gigante della narrativa del Novecento con un’intervista a padre Ambrogio Cassinasco, colto e profondo conoscitore della letteratura inglese, che e su Ricognizioni ha già parlato del collega e grande amico di Tolkien C.S. Lewis.

Continua a leggere

Tolkien e la difesa del Creato

Proviamo per un momento a visualizzare alcune immagini, come delle cartoline: in una vediamo una vallata alpina, verdissima, punteggiata di alti alberi, con sentieri che si inerpicano verso le cime della montagna. La seconda immagine è ancora di un panorama montano, ma invernale, con candida neve e lucenti ghiacciai. La terza è di una spiaggia al tramonto, con le onde che si frangono sugli scogli, e delfini che nuotano in lontananza. La quarta è di un villaggio di campagna, con casette di pietra e legno, con piccole botteghe che si affacciano sulla via.

Continua a leggere

“Un’era di mezzi migliori per fini peggiori”

John Ronald Tolkien fu un uomo dalla profonda sensibilità nei confronti della natura, e ciò fin dall’infanzia. Si è sempre detto che fin dall’infanzia il futuro scrittore aveva nutrito un grande amore per le lingue; tuttavia il piccolo Ronald appariva attratto anche dallo studio della botanica, che la madre incoraggiò con la consueta attenzione che aveva per le inclinazioni del bambino, e mostrava chiaramente i segni di un altro grande amore, oltre a quello per i draghi: gli alberi.

Continua a leggere

La Guerra dell’Anello: polemiche sulla nuova traduzione

di Paolo Gulisano
Per chi ha avuto modo di avventurarsi nelle pagine de Il Signore degli Anelli di John Ronald Tolkien, è impossibile non condividere l’opinione espressa dal suo collega e grande amico Clive Staples Lewis all’epoca della pubblicazione del libro: «È troppo originale, troppo ricco perché lo si possa giudicare a una prima lettura. Ma sappiamo che ci ha regalato qualcosa: non siamo più le stesse persone».
Come tutti i capolavori della letteratura, Il Signore degli Anelli lascia nell’animo del lettore il ricordo di un’esperienza meravigliosa. Ha davvero ragione Lewis quando aggiunge: «Chi, dopo aver chiuso il pesante tomo, dopo aver abbandonato i verdi campi e le colline della Terra di Mezzo, non ha mai provato la curiosa sensazione di tornare a osservare il solito vecchio mondo con sguardo rinnovato?».
Questa è l’esperienza che hanno fatto milioni di lettori di Tolkien. E davvero aveva ragione uno dei figli dello scrittore, Michael, quando diceva che suo padre aveva risposto all’invocazione – da parte di lettori di ogni età, carattere, provenienza- di bellezza, di gioia, di senso del mistero, cose senza le quali l’anima stessa dell’uomo inaridisce e muore dentro di lui.

Continua a leggere

Tolkien e il Partito della Contea

Il Signore degli Anelli è un libro che non solo non finisce mai di conquistare nuove generazioni di lettori, ma anche non finisce mai di essere chiosato e interpretato. D’altra parte si tratta non solo di un romanzo, ma di un vero e proprio universo fantastico creato da John Ronald Tolkien, professore universitario inglese nonché creatore di miti, di cui oggi ricorre l’anniversario della nascita (3 Gennaio 1892). 

Continua a leggere

“Tolkien”il film: una bella storia a lungo attesa

Nei giorni scorsi è (finalmente) giunto in Italia il film biografico Tolkien, diretto dal regista finlandese Dome Karukoski e con interpreti principali gli attori inglesi Nicholas Hoult e Lily Collins (figlia del celebre cantautore britannico). Un film che racconta in modo insolitamente poetico e commovente la giovinezza di uno dei più grandi scrittori del ‘900, John Ronald Reuel Tolkien.

Continua a leggere

Storia di faide tolkieniane

Colpi d’ascia, spadate, frecce avvelenate. Tutto metaforico, s’intende, ma è quello che sta accadendo nel mondo tolkieniano italiano: insulti, querele, minacce, convegni e contro convegni. Sentieri Tolkieniani, associazione pacifica e decisamente hobbitesca, sta a vedere quel che succede, ma vuole anche capire. Per farlo la Redazione ha intervistato Paolo Gulisano, saggista, scrittore, esperto riconosciuto di Tolkien, nonché collaboratore, testimonial e soprattutto amico di Sentieri Tolkieniani. 

Continua a leggere

3 Gennaio 1892: l’inizio di una storia

The late British author J. R. R. Tolkien pictured in Oxford, 1972.

3 gennaio 1892: a Bloemfontein, Stato Libero d’Orange, nel Sudafrica allora conteso tra britannici e boeri di origine olandese, nasceva John Ronald Reuel Tolkien. Oggi dunque festeggiamo i 127 anni dalla nascita del nostro grande amico, del nostro maestro, del nostro scrittore preferito, con tutto il rispetto per tutti gli altri autori che leggiamo e amiamo. 

Continua a leggere